La violenza è un labirinto. Entrare è facile, uscire no.

novembre 25, 2016
Tempo di lettura: 2 minuti

In occasione della Giornata Internazionale contro la Violenza sulle donne , SVS Donna Aiuta Donna Onlus ha realizzato un labirinto in Galleria Vittorio Emanuele di Milano per sensibilizzare i giovani a riconoscere i segni della violenza e dell’abuso. 

 

Il 25 e il 26 Novembre sarà installato un labirinto nella Galleria più famosa di Milano, la Galleria Vittorio Emanuele, per imparare a riconoscere i sintomi apparentemente innocui che, se ripetuti e abbinati fra loro, portano a manifestazioni di violenza sulle donne. Dunque un vero e proprio percorso esperienziale in cui il pubblico potrà sperimentare, entrandovi, il circolo vizioso in cui da un rapporto accettabile si passa all’abuso. 

 

È la prima importante iniziativa di prevenzione rivolta ai giovani, organizzata in occasione della Giornata Internazionale contro la Violenza da SVS Donna Aiuta Donna Onlus, Caritas Ambrosiana e SVSeD (Soccorso Violenza Sessuale e Domestica) della della Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico insieme al Comune di Milano.
Il labirinto nasce da un’idea dello IED (Istituto europeo di Design) di Milano ed è stato realizzato dagli studenti del Master in Graphic Design. L’entrata è in Via Silvio Pellico. Sulle pareti, alte circa 2 metri, frasi e situazioni che ricostruiscono la spirale in cui un rapporto si trasforma in abuso. Frasi semplici e gesti che possono rappresentare l’ingresso in un labirinto da cui uscire è complicato, sia per chi subisce la violenza sia per chi la mette in atto. Le situazioni descritte sulle pareti sono come un filo di Arianna, una guida, perché solo con la consapevolezza si può trovare la via d’uscita.

 

“Il Labirinto della violenza” è un percorso esperienziale, rivolto soprattutto ai giovani, in cui il pubblico potrà sperimentare, entrandovi, il circolo vizioso in cui da un rapporto accettabile si passa all’abuso. All’interno verrà illustrato il tortuoso procedere di atti, frasi, sottintesi che si autoalimentano: tutti indizi sottili, spesso ambigui, che possono portare fino alle estreme conseguenze.

#stannefuori è il messaggio che IED e SVS Donna Aiuta Donna Onlus lanciano in occasione di questa giornata, che ricordiamo è stata istituita dalle Nazioni Unite e cade puntale ogni 25 Novembre dell’anno.
Un appuntamento molto sentito anche in tutto il resto d’Italia,  in cui tra oggi e domani si svolgeranno numerosi eventi, tra marce e comizi, per non far calare il silenzio su un problema che quotidianamente interessa l’universo femminile.

www.stannefuori.it è anche il sito che sarà on line a partire dal 25 novembre e che offre informazioni concrete e indirizzi a cui rivolgersi per uscire dal tunnel della violenza sia per la vittima che per chi è a conoscenza di una situazione di violenza e non sa come intervenire (amici della vittima, i genitori, gli insegnanti). Informazioni pratiche anche per chi ha una responsabilità diretta ovvero gli uomini maltrattanti.
Per ulteriori info sul labirinto della violenza in Galleria Vittorio Emanuele di Milano: www.svsdad.it o visita la pagina Facebook dell’associazione.