home page

Il manganese

Il manganese
Tempo di lettura: 3 minuti

Sebbene sia ampiamente diffuso in natura, il manganese si presenta solo in quantità tracciate nei tessuti animali. Il corpo di un uomo sano di 70 kg contiene complessivamente da 10 a 20 mg circa di metallo. Nel corpo, il manganese esiste tipicamente in uno di due stati, Mn2 + o Mn3 +.

I cereali a grani interi, la frutta secca, le noci e i vegetali a foglia sono tra i cibi più ricchi di manganese. Anche il tè ne contiene grandi quantità, ma nel tè non è ben assorbito. La farina bianca, per esempio, ha una concentrazione di manganese molto inferiore rispetto al grano di frumento da cui è stato prodotto.

L’assorbimento di manganese

L’assorbimento di manganese con la dieta varia notevolmente, con valori compresi tra l’1% e il 14%, ma l’assorbimento è spesso minore del 5%. L’assorbimento come MnCl2 (cloruro di manganese) è risultato essere superiore a quello proveniente dagli alimenti vegetali come lattuga, spinaci e semi. Con elevata quantità di questo microminerale, l’assorbimento diminuisce per proteggerci contro una possibile tossicità;.

Anche per questo minerale le fibre, i fitati e gli ossalati possono precipitare il manganese nel tratto gastrointestinale, rendendo il manganese inutilizzabile per l’assorbimento. Alcuni minerali inibiscono l’assorbimento di manganese. Ad esempio grandi quantità di ferro non alimentare diminuisce l’assorbimento di manganese. Sono state anche evidenziate correlazioni negative tra la ferritina e l’assorbimento e la ritenzione del manganese.

Dove si trova questo microminerale?

Il manganese si  trova nella maggior parte degli organi e nei tessuti e non tende a concentrarsi in modo significativo in nessun organo in particolare, anche se la sua concentrazione è più alta nell’osso, nel fegato, nel pancreas e nei reni. Nell’osso, il manganese si trova come parte dell’apatite. Anche i capelli possono accumularlo.

Le sue funzioni 

Il manganese è un elemento tracciato che esiste in molti complessi e metallo-enzimi, sia come un ione bivalente (Mn2 +) o trivalente (Mn3 +). La funzione del manganese è quella di attivatore enzimatico ed è presente nelle superossido reduttasi, ligasi, idrolasi, chinasi, transferasi e decarbossilasi. L’essere carenti é molto raro. La sua carenza è stata riportata negli animali e, probabilmente, nell’uomo, con segni di perdita di peso, nausea e vomito, dermatiti, alterazione della crescita, anomalie scheletriche e dei capelli. È relativamente non tossico, ma esposizioni eccessive accompagnate da tossicità sono state descritte nei minatori e nei lavoratori di metalli.

Solo alcune interazioni tra manganese e altri elementi tracciati sono considerate importanti dal punto di vista nutrizionale. Il ferro in eccesso inibisce l’assorbimento di manganese e quest’ultimo, quando ingerito in quantità circa 4-8 volte quella raccomandata, riduce l’assorbimento del ferro fino a circa il 40%. Il Manganese viene escreto principalmente (> 90%) attraverso la bile nelle feci. Il suo eccesso viene assorbito dalla dieta è rapidamente escreto dal fegato nella bile per mantenere l’omeostasi. Pochissimo manganese viene escreto nelle urine. Inoltre, il manganese urinario non è correlato all’assunzione e non aumenta anche quando l’assunzione dietetica del minerale è eccessiva.

Può divenire tossico, se ingerito in eccesso, nelle persone con insufficienza epatica, perché l’omeostasi di manganese è mantenuta attraverso l’escrezione biliare. 

 

Consigli dell’Health Coach

Potremmo cosi riassumere i benefici di questo importante microminerale:

  • Salute dell’osso:  è essenziale per una corretta e normale crescita della struttura ossea umana
  • Radici liberi: a causa delle sue proprietà antiossidanti, i benefici per la salute del manganese includono una funzione speciale di monitoraggio dell’attività dei radicali liberi nel corpo umano
  • Livello di zucchero:  ha anche dimostrato efficienza nel controllo del livello dello zucchero nel sangue umano
  • Epilessia: bassi livelli possono agire come trigger per crisi epilettiche. Gli integratori di manganese possono tornare utili come supplemento di questo minerale.
  • Salute della tiroide: è un co-fattore importante per molti enzimi diversi.

Poche parole di avvertimento: il manganese è uno dei tre minerali tossici tracciati nel corpo umano, il che significa che non possiamo avere troppo poco o troppo. Assicurarsi di non esagerare con l’integrazione di questo. Il sovradosaggio di manganese può portare a sintomi simili a quello della malattia di Parkinson. Inoltre, per quelli con condizioni di fegato, prestare attenzione a non prendere troppo manganese, in quanto il fegato avrà difficoltà a sbarazzarsene.