home page

Il molibdeno, metallo importante per l’uomo!

Il molibdeno, metallo importante per l’uomo!
Tempo di lettura: 3 minuti

Il molibdeno è un metallo importante per la specie umana. Perché? In quali alimenti si può trovare?

mo·lib·dè·no/

sostantivo maschile

Elemento chimico (numero atomico 42, peso atomico 95,94, simbolo Mo ): metallo grigio argenteo, che si ottiene dal minerale molibdenite; viene usato come supporto per filamenti da lampadina, nei tubi radio…aggiunto alle leghe ferrose ne aumenta la capacità temprante e la resistenza alla corrosione e alle alte temperature.

E con la biochimica della specie umana cosa c’entra?

Osservando le patologie causate da carenza genetica di alcuni enzimi, si è scoperto che il molibdeno è un metallo importante per la specie umana, e non solo, infatti la carenza del cofattore enzimatico Molibdeno può essere causa della patologia stessa.

Nel corpo, il molibdeno, si trova principalmente in uno dei due stati di valenza, Mo4 + o Mo6 +. Nei sistemi biologici, esso è legato allo zolfo o all’ossigeno.

È diffuso negli alimenti, ma come molti altri minerali il suo contenuto in un determinato vegetale può variare notevolmente a seconda della concentrazione di molibdeno nel terreno. Ne consegue che il contenuto del metallo nelle carni a sua volta riflette la sua concentrazione nel foraggio.

In quali alimenti si può trovare?

Le fonti migliori di questo elemento chimico nella dieta sono:

  • legumi, che possono fornire fino a 184 μg / 100 g;

  • carne, pesce e pollame che contengono fino a ~ 129 μg / 100 g;
  • cereali, che forniscono fino a ~ 117 μg / 100 g. 
  • Le noci e le verdure contengono solitamente <50 μg / 100 g.

Invece la frutta e i prodotti lattiero-caseari sono particolarmente bassi di contenuto, fornendo <12 μg / 100 g.

Come funziona l’assorbimento?

Il meccanismo di assorbimento è ritenuto passivo, anche se alcuni studi sugli animali suggeriscono l’eventuale coinvolgimento di sistemi trasporto. L’assorbimento aumenta con l’aumento dell’assunzione attraverso la  dieta su un intervallo di 22 a 1.490 μg / die. L’assorbimento nell’uomo varia da circa 50% a oltre il 90%. Il fegato, i reni e l’osso contengono il maggior molibdeno in termini di quantità assoluta e di concentrazione.  Ma anche altri tessuti, come l’intestino tenue, i polmoni, la milza, il cervello, la tiroide e le ghiandole surrenali, e il muscolo, lo contengono.

Il ruolo biochimico

Il ruolo biochimico del molibdeno ruota intorno alla funzione redox dell’elemento e alla sua presenza come cofattore nella forma di Molibdopterina per tre metalloenzimi. L’incapacità di sintetizzare il cofattore molibdopterina a causa di difetti genetici è di solito letale.

  • La Solfito ossidasi, un enzima mitocondriale trovato in molti tessuti del corpo, in particolare il fegato, il cuore e il rene. L’enzima catalizza la fase terminale nel metabolismo degli amminoacidi contenenti zolfo (metionina e cisteina), in cui il solfito viene convertito in solfato.
  • L’aldeide ossidasi è un molibdeno-enzima, presumibilmente funziona nel fegato come una vera ossidasi, usando l’ossigeno molecolare come suo accettore elettronico fisiologico.
  • La xantina ossidasi / deidrogenasi sono enzimi a base di ferro che richiedono anche FAD e molibdopterina. La deidrogenasi di xantina si trova in una varietà di tessuti, tra cui il fegato, i polmoni, i reni e l’intestino. Importante è l’azione della Xantina nella formazione di acido urico.

 

Le interazioni del molibdeno

Il tungsteno è da tempo riconosciuto come un potente antagonista del molibdeno e, infatti, la sua somministrazione negli animali testati è diventata il principale mezzo per creare artificialmente uno stato di carenza di molibdeno. Un’altra interazione del molibdeno si ha con lo zolfo e il rame. Una relazione tra l’assunzione di molibdeno e l’escrezione di rame è stata documentata in alcuni studi sull’uomo. Con l’aumento dell’assunzione di molibdeno da 160 μg a 1.540 μg / die, l’escrezione urinaria del rame negli esseri umani è aumentata da 24 μg / die a 77 μg / die. Altre sostanze nutritive sembrano influenzare la disponibilità di molibdeno da parte di meccanismi ancora da approfondire: manganese, zinco, ferro, piombo, acido ascorbico, metionina, cisteina e proteine.

La maggior parte di questo elemento chimico è eliminato con le urine come molibdato, la sua escrezione urinaria aumenta in modo proporzionale con l’aumento della sua assunzione attraverso la dieta. Il rene quindi si cura dell’omeostasi del molibdeno.

Inoltre la mancanza di molibdeno è rara e sembra essere relativamente un metallo non tossico con assunzione fino a 1.500 μg / die. Tuttavia, in alcune persone che vivono in regioni che contengono elevati livelli di molibdeno di terreno e in quelli con esposizione professionale ad esso, si sono manifestati sintomi come la gotta (infiammazione delle articolazioni causate dall’accumulo dell’acido urico).  Concentrazioni di acido urico elevato (che probabilmente sono sorte da una maggiore attività di xantina deidrogenasi) si accumulano in e intorno alle articolazioni.

Consigli dell’Health Coach

I microelementi (per approfondire leggi anche “Il selenio“, “Lo zinco“, “Il cromo“) rappresentano la capacità figurata di fare funzionare un ingranaggio apparentemente perfetto. Questo è anche il caso del Molibdeno.

Un elemento forse poco importante se pensato nella moltitudine di elementi presenti nella nostri meccanismi tanto complessi.

È vero che la mancanza di molibdeno è rara. Tuttavia, l’attività dei sui metalloenzimi è importante ad esempio nei calcoli renali e nell’infiammazione articolari da acido urico. Nulla di grave ovviamente.

Come quando hai la sabbia nella scarpa, nulla di grave, ma toglierla è un piacere!

Quindi tutti i dettagli vanno curati e tra i dettagli importanti ci sono i microelementi!

The following two tabs change content below.
Mirko Bandera

Mirko Bandera

Mirko Bandera

Ultimi post di Mirko Bandera (vedi tutti)