home page

I videogiochi possono modificare il cervello ed il comportamento

I videogiochi possono modificare il  cervello ed il comportamento
Tempo di lettura: 2 minuti

Oggi, il gioco video è un’opzione di intrattenimento molto popolare ed il suo utilizzo non è più limitato ai bambini e agli adolescenti. L’età media dei giocatori è infatti in aumento: nel 2016 è stata stimata pari a 35 anni.

Con il progresso della tecnologia più persone sono esposte a videogiochi. Oltre ai classici computer o console, oggi è emersa una nuova categoria di persone che giocano attraverso smartphone e tablet.

Sappiamo dunque che i videogiochi sono una forma sempre più comune di intrattenimento, ma hanno un effetto sul nostro cervello e sul nostro comportamento?

Nel corso degli anni, i media hanno fatto diverse affermazioni sensazionalistiche sui videogiochi e sul loro effetto sulla nostra salute e la felicità.

I giochi sono stati talvolta lodati e talvolta demonizzati, spesso senza dati reali che sostengono tali affermazioni“, ha dichiarato Marc Palaus, autore principale dell’Università di Catalogna a Barcellona, in Spagna.

“Inoltre, il gioco è un’attività popolare, quindi tutti sembrano avere opinioni forti sul tema”.

Lo studio

Palaus ed i suoi colleghi presso l’Università Aperta della Catalogna e del Massachusetts General Hospital hanno  raccolto i risultati di 116 studi scientifici per vedere se fossero emerse dalle ricerche eventuali tendenze riguardo a come i videogiochi influenzano la struttura e l’attività del nostro cervello.

Gli aspetti positivi

Gli studi mostrano che i videogiochi possono cambiare il modo di eseguire il nostro cervello, e anche la loro struttura.

Ad esempio, la riproduzione di videogiochi influenza la nostra attenzione, e alcuni studi hanno rilevato che i giocatori mostrano miglioramenti in diversi tipi di attenzione, come un’attenzione costante o un’attenzione selettiva.

Le regioni del cervello coinvolte nell’attenzione sono anche più efficaci nei giocatori e richiedono una minore attivazione per sostenere l’attenzione su attività impegnative.

Ci sono anche prove che i videogiochi possono aumentare la dimensione e l’efficienza delle regioni del cervello relative alle abilità visuospaziali. Ad esempio, l’ippocampo destro è stato ampliato nei giocatori.

Gli aspetti negativi

Ma i videogiochi possono anche creare dipendenza chiamata “disordine di gioco su Internet”.

I ricercatori hanno trovato cambiamenti funzionali e strutturali nel sistema di ricompensa neurale nei tossicodipendenti del gioco. I cambiamenti sono stati trovati esponendoli a segnali di gioco che causano voglie e monitorando le loro risposte neurali. Questi cambiamenti neurali sono sostanzialmente gli stessi di quelli osservati in altri disturbi dipendenti.

“Ci siamo concentrati su come il cervello reagisce all’esposizione del videogioco, ma questi effetti non si traducono sempre in cambiamenti reali”, ha dichiarato Palaus.

Nel futuro

“Poiché i videogiochi sono ancora piuttosto nuovi, la ricerca sui loro effetti è agli inizi”. Si stanno infatti ancora studiando quali aspetti dei giochi influenzano le regioni del cervello e come.

È probabile che i videogiochi abbiano sia degli aspetti positivi (attenzione, capacità visive e motorie) sia aspetti negativi (rischio di dipendenza), ed è essenziale che i ricercatori abbraccino questa complessità.

 

Fonte:

http://journal.frontiersin.org/article/10.3389/fnhum.2017.00248/full

 

The following two tabs change content below.