home page

L’invisibile vista

L’invisibile vista
Tempo di lettura: 3 minuti

L’83 per cento della Cultura umana fluisce dagli occhi: leggiamo, scriviamo, guardiamo e prevalentemente così impariamo.


Pure le più attuali tecnologie d’indagine sull’attività cerebrale [PET-Tomografia a Emissione Positronica, NMR-Risonanza Magnetica Nucleare, SPET-Tomografia a Emissione di Fotone Singolo]  hanno riconfermato che normalmente l’83 per cento dei nostri ricordi è originato dalla Vista, l’11 dall’Udito, il 3 dall’Odorato, il 2 dal Tatto e l’1 dal Gusto: vuol dire che più dei quattro quinti (più di 8 su 10…) di quel che sappiamo è acquisito poiché vediamo, ovvero oltre quattro quinti della nostra evoluzione intellettuale dipendono dai servizi resi alla mente dagli occhi.

Servigi tutt’altro che immediatamente evidenti: “La Vista è un fenomeno dell’Invisibile”, dichiarava già due millenni e mezzo fa Anassagora di Clazomene (499-428 a.Ch.), filosofo presocratico definito fra i Fisici Pluralisti, accreditato ufficialmente d’ aver importato in Grecia la Filosofia.

Per arrivare a comprendere a fondo questa sua affermazione, occorre ricordare che fino alle porte del 1600 le uniche immagini in ogni senso disponibili erano quelle raccolte dall’occhio e conservate dalla memoria ed eventualmente dall’arte figurativa: per la quale e dalla quale era pur sempre l’occhio a doverle riprendere e la memoria a ravvisarle.

Il problema in vista più arduo da risolvere era allora capire come, con un semplice ‘colpo d’occhio’, fosse possibile far ricomparire dentro di noi le apparenze esterne, riguardandocele poi anche a occhi chiusi a volontà.

“Guardare da dentro/dietro gli occhi…”

Il nobile napoletano Giambattista Della Porta (1535-1615) comincia a dar visibilità ai fenomeni della vista quando, suggerendo dei trucchi scenici teatrali, spiega come ‘poggiare’ su una qualunque superficie l’immagine d’un oggetto distante ‘portandovela’ con lenti e specchi concavi. Nel 1589 pubblica la prima descrizione di camera oscura con lente di messa a fuoco, così il suo amico Keplero può finalmente nel 1604 segnalare l’analogia fra le immagini risultanti appunto nella camera oscura e quelle che si formerebbero nell’occhio: “La visione è ottenuta grazie alle immagini della cosa vista che si formano sulla superficie bianca concava della retina”.

S’ingenera così – e con l’aggravante di un famoso esperimento di Cartesio usando un occhio di bue – l’impressione – tuttora corrente – che uno veda il mondo guardandolo da dietro la propria retina, cioè come con altri occhi da dietro i propri occhi.

Ma ‘dietro la retina’, proprio da questo punto di vista, c’è il cervello. Ed è qui il momento di fare chiarezza nell’uso sempre di quest’unica parola ‘immagine’: distinguendo a) l’immagine di quel-che-si-guarda rispetto a b) l’immagine ottica che-ne-risulta-proiettata-sulla-retina, ed entrambe da c) l’immagine mentale che se ne forma e vediamo nel cervello.

È qui che la vista diviene ancora più sottilmente e – per amore d’assurdo – concretamente, “un fenomeno dell’invisibile”, perché diviene un fenomeno culturale: vedere s’impara, come camminare.

Vedere s’impara: come camminare

Infatti il neonato inizialmente guarda, ma non vede: perché occorrono ancora alcuni mesi sia per il completo sviluppo del suo sistema oculare sia per imparare coordinatamente a riconoscerne le percezioni: perché la vista entri pienamente in funzione occorre che pure il cervello si costituisca un repertorio di immagini mnemoniche coscienti con cui raffrontare/riconoscere quelle nuove via via in arrivo.

Più specificamente, la retina è in grado di riprodurre/’scattare’ una nuova immagine ogni centinaio di millisecondi, dopo aver avviato al cervello gli impulsi relativi all’immagine precedente, e quel che si vede è una composizione attuata dalla mente mixando l’accumulo delle informazioni raccolte negli attimi più recenti assieme a tutte quelle precedenti: vedere è un fenomeno invisibile e culturale in quanto è un fenomeno della memoria.

Due semplici esempi

– Tante ‘illusioni ottiche’ funzionano facendo presa su codici di visione culturalmente costruiti, come la rappresentazione bidimensionale, sul piano, di immagini tridimensionali: disegnare un cubo e vederlo dove c’è solo un foglio piatto…

– Quando per un istantaneo cortocircuito mentale le immagini nuove finiscono subito nel canale di quelle provenienti dall’archivio mnemonico, scatta il fenomeno del déjà vu, tanto caro agli occultisti.

The following two tabs change content below.
Sergio Angeletti

Sergio Angeletti

Presidente vicario dell'ASMI­ - Associazione Stampa Medica Italiana nell'FNSI­ - Federazione Nazionale Stampa Italiana. Maggiori info sul nostro collaboratore
Sergio Angeletti

Ultimi post di Sergio Angeletti (vedi tutti)