home page

Il diabete di tipo 2 è stato “invertito” per 3 mesi

Il diabete di tipo 2 è stato “invertito” per 3 mesi
Tempo di lettura: 3 minuti

Il diabete di tipo 2 è generalmente considerato una condizione cronica di salute che non può essere curata una volta che si sviluppa. Nuove ricerche, tuttavia, suggeriscono che le persone possono essere in grado di battere la malattia per periodi determinati.

Questo è ciò che è emerso dalla ricerca pubblicata sulla rivista Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism. I risultati, infatti, dimostrano che intraprendendo un intenso ciclo di trattamento medico a breve termine si è invertito il diabete di tipo 2 in una percentuale significativa di pazienti.

Le considerazioni

“Usando una combinazione di farmaci per via orale, insulina e terapie di stile di vita per trattare i pazienti intensamente per due o quattro mesi, abbiamo scoperto che fino al 40% dei partecipanti erano in grado di rimanere in remissione tre mesi dopo aver interrotto i farmaci per il diabete“, afferma uno dei ricercatori, Natalia McInnes della McMaster University in Canada.

“I risultati supportano la nozione che il diabete di tipo 2 può essere invertito, almeno nel breve termine – non solo con la chirurgia bariatrica, ma con approcci medici”.

Cos’è il diabete di tipo 2?

Quando l’organismo non produce abbastanza insulina o diventa resistente all’insulina – ormone che consente alle cellule di assorbire glucosio – ecco che si sviluppa il diabete di tipo 2. Infatti, a causa di questa disfunzione, gli zuccheri nel sangue si accumulano nel corpo e possono portare a gravi problemi di salute come danni agli organi e malattie cardiache.

Questa malattia è generalmente gestita solo con una combinazione di farmaci e di una vita sana, assistita, in alcuni casi, da un intervento chirurgico della banda gastrica (bariatrica).

Lo studio

Per studiare se i trattamenti sanitari intensi potessero innescare la remissione nei pazienti affetti da diabete di tipo 2, i ricercatori hanno reclutato 83 pazienti con tale patologia e li hanno divisi in tre gruppi.

Due di questi gruppi hanno ricevuto gli interventi a breve termine – rispettivamente per 8 o 16 settimane – dove sono stati assegnati esercizi e pasti personalizzati e incontri regolari con una dietista.

Durante il periodo di trattamento, hanno anche preso insulina e una serie di farmaci orali per aiutarli a gestire la condizione.

Il terzo gruppo di partecipanti ha agito come gruppo di controllo e ha ricevuto standard di gestione dello zucchero nel sangue e consigli sulla salute durante lo stesso periodo.

I risultati

Tre mesi dopo l’esperimento, 11 dei 27 pazienti nel gruppo di intervento di 16 settimane hanno mostrato remissione completa o parziale del diabete, così come 6 su 28 individui nel gruppo di 8 settimane.

Comparativamente, solo quattro dei partecipanti al gruppo di controllo hanno mostrato segni di remissione in seguito alla ricezione di consulenza sanitaria standard e non intensa.

Si dovrebbe cambiare il modo di trattare il diabete

“La ricerca potrebbe spostare il paradigma del trattamento del diabete da semplice controllo del glucosio  ad un approccio in cui si induca la diminuzione e si monitorino i pazienti per qualsiasi segno di ricaduta”, dice McInnes

“L’idea di invertire la malattia è molto interessante per gli individui con diabete, che li spinge a fare cambiamenti significativi sullo stile di vita e per ottenere livelli normali di glucosio con l’aiuto di farmaci”.

I risultati un anno dopo

Un anno dopo il processo, la differenza tra i partecipanti che hanno ricevuto il trattamento e quelli di controllo erano diventati trascurabili, indicando che è necessario lavorare più per capire come rendere la remissione di diabete di tipo 2 una proposta permanente.

“Se non sostenete l’intervento dello stile di vita, la malattia ritornerà”, ha dichiarato a HealthDay News l’endocrinologo Philip Kern dell’Università del Kentucky, che non era coinvolto nello studio.

I risultati danno comunque agli scienziati la speranza che il diabete di tipo 2 possa essere battuto se i pazienti si impegnano a cambiamenti dietetici e di stile di vita.

Ulteriori studi sul diabete

Il mese scorso uno studio condotto da ricercatori dell’Università del sud della California ha scoperto che una dieta a digiuno nei topi potrebbe invertire il diabete e riparare il pancreas.

E in Gran Bretagna i ricercatori stanno attualmente eseguendo un ampio test clinico per indagare se il diabete possa essere invertito nel lungo termine seguendo una dieta a basso contenuto calorico.

I consigli

“Non vediamo l’ora di vedere i risultati nel 2018. Nel frattempo, incoraggiamo le persone con diabete di tipo 2 a seguire una dieta sana bassa in zucchero, grassi saturi e sale“, ha detto Emily Burns al The Telegraph.

“Sappiamo che la dieta, l’esercizio fisico e le medicine possono aiutare le persone con diabete di tipo 2 a gestire la loro condizione. Stiamo cominciando a vedere evidenti prove che diminuire il diabete di tipo 2 è fattibile.”

 

Fonte:

https://academic.oup.com/jcem/article-abstract/doi/10.1210/jc.2016-3373/3070517/Piloting-a-Remission-Strategy-in-Type-2-Diabetes

 

The following two tabs change content below.