BRA Day: tornare a vivere recuperando la propria integrità corporea

BRA Day: tornare a vivere recuperando la propria integrità corporea
0 Condivisioni
Tempo di lettura: 2 minuti

Numerosi gli eventi che SICPRE, Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica, ha organizzato in occasione del BRA Day per sensibilizzare sul tema della ricostruzione mammaria.

Domani, 19 Ottobre, si celebra il BRA Day (Breast Reconstruction Awarness Day), una giornata al femminile dedicata in tutto il mondo a iniziative per sensibilizzare e avvicinare le donne alla ricostruzione mammaria, un intervento che nel nostro Paese è a carico del Servizio Sanitario Nazionale e che dà la possibilità alla donna di tornare a vivere come prima della malattia, recuperando la propria integrità corporea. In Italia l’evento sarà coordinato da SICPRE, la Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica e prevede numerose tipologie di incontri in alcune delle città del territorio nazionale, da Torino a Palermo, da Trento a Napoli, passando per Verona, Milano e Bologna.

1 donna su 8 è malata di tumore al seno

Il tumore al seno, nel corso della vita, colpisce infatti 1 donna su 8 e in Italia la percentuale di donne che in seguito alla malattia si sottopongono alla ricostruzione mammaria non raggiunge ancora il 100%, «obiettivo ‘necessario’– spiega Paolo Palombo, presidente SICPRE – per garantire, dopo la brutta esperienza della malattia, la possibilità di ritornare a vivere come prima, con un grandissimo beneficio in termini di benessere psicologico e qualità della vita».

Ricostruzione mammaria: come si fa?

Sono diverse le tecniche e i materiali che la chirurgia plastica impiega per ricreare la forma del cono mammario in seguito a un intervento oncologico demolitivo e non tutte le donne sanno che anche areola e capezzolo, se asportati per una lesione tumorale, possono essere ricostruiti dallo specialista attraverso protesi, espansori, matrici dermiche o tessuti della paziente. 
In alcuni casi, la ricostruzione avviene in un unico tempo chirurgico, in altri richiede diversi passaggi in sala operatoria. «Ma ogni ricostruzione è unica e diversa – sottolinea Palombo –. Si parte sempre dalla paziente e dalla storia della malattia, prendendo poi in considerazione età, corporatura e preferenze. Alla luce di tutto questo si individua la strada migliore per ottenere un risultato il più possibile naturale e simmetrico. In una parola, estetico».

Sul sito SICPRE tutti gli appuntamenti rivolti alle donne

Visite senologiche gratuite, sfilate di moda che prevedono la partecipazione di pazienti ricostruite e che hanno ritrovato una propria nuova bellezza, concorsi letterari sono solo alcune degli appuntamenti che SICPRE ha organizzato in occasione del BRA Day e che è possibile consultare sul sito www.sicpre.it, diventato negli anni un punto di riferimento sempre più utilizzato da tutte quelle donne che cercano informazioni serie e affidabili sulla chirurgia plastica. 
Gli eventi sono consultabili per Regione e Provincia, così che le donne di tutta Italia possano trovare gli eventi più comodi e più vicini ai loro interessi.

L’impegno di SICPRE continua

Tuttavia l’impegno della SICPRE nell’ambito della ricostruzione mammaria non finisce con il BRA Day, infatti «Nei mesi passati abbiamo dato vita al Capitolo di Senologia Ricostruttiva, – spiega Palombo – tramite il quale coordiniamo tutte le attività intraprese dai nostri soci nell’ambito della sensibilizzazione alla ricostruzione mammaria. Il BRA Day è solo una di queste».

0 Condivisioni