Tre farmaci in una pillola: dalla Polonia un’innovazione in cardiologia

Tre farmaci in una pillola: dalla Polonia un’innovazione in cardiologia

Tempo di lettura: 3 minuti

Una vita sempre più lunga e meno nascite – la popolazione italiana sta invecchiando e i pensionati sono quasi il doppio dei giovani. I dati di Eurostat dimostrano che gli italiani sono una delle nazioni più vecchie d’Europa, e nel 2029 saremo i primi a raggiungere l’età mediana di 50 anni.  Pertanto, la crescente percentuale di persone anziane va di pari passo con le sfide per i servizi sanitari e le politiche per la salute, in particolare nel trattamento delle malattie cardiovascolari. 

Continua a leggere
Come le piante possono velocizzare la tua guarigione

Come le piante possono velocizzare la tua guarigione

Tempo di lettura: 3 minuti

Attenti a in quale stanza dell’ospedale venite messi per la degenza: potrebbe avere un ruolo importante sia nel determinare i tempi di recupero, sia nella quantità di farmaci che vi verranno somministrati. La ragione è semplice: una bella vista, ad esempio esposta verso un parco alberato può sensibilmente influenzare la degenza ospedaliera.

Continua a leggere
Una nuova strategia per uccidere i batteri resistenti ai farmaci

Una nuova strategia per uccidere i batteri resistenti ai farmaci

Tempo di lettura: 2 minuti

Un gruppo di ricercatori giapponesi è riuscito a mettere a punto un metodo per uccidere i batteri resistenti agli antibiotici. L’idea consiste nello sfruttare i meccanismi con cui certi batteri si “nutrono di ferro” attraverso il sistema di acquisizione del gruppo Eme, ossia quel gruppo chimico che permette alle proteine di legarsi al ferro.

Continua a leggere
Imparare dalle piante carnivore per sviluppare nuovi materiali

Imparare dalle piante carnivore per sviluppare nuovi materiali

Tempo di lettura: 3 minuti

Seguendo un approccio interdisciplinare, ricercatori dell’Università degli Studi di Milano hanno studiato i meccanismi con cui le piante carnivore catturano gli insetti  per realizzare un nuovo materiale che potrà essere utilizzato nella realizzazione di robot sempre più bio-compatibili: è la “soft robotics”.

Continua a leggere