#NastroRosaAIRC e #BCAstrength: insieme per i progressi della ricerca sul tumore al seno

268
Nastro rosa airc
Tempo di lettura: 3 minuti

Ottobre si dipinge di rosa con la “Breast Cancer Awareness”, la campagna sostenuta da AIRC per finanziare la ricerca sul cancro alla mammella e sensibilizzare le donne sull’importanza di una corretta prevenzione.

 

Secondo l’ultimo censimento ufficiale realizzato dall’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) e dall’Associazione Italiana Registri Tumori (AIRTUM), sarebbero 1.000 le persone che ogni giorno in Italia ricevono la diagnosi di tumore.
I dati riportano che a venir colpite con più frequenza sono prevalentemente le donne e che nel 2016 saranno ben 50.000 i casi stimati di tumore al seno, che si classifica al secondo posto per diffusione tra le diagnosi di cancro che interessano il mondo femminile. 

Si tratta di numeri in aumento rispetto al 2015 (48.000 casi stimati), che fanno del tumore al seno una priorità per l’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro (AIRC), che solo nel 2016 ha investito in questo specifico ambito oltre 9 milioni e 500 mila euro per finanziare 85 progetti e 16 borse di studio
Tra gli 85 progetti di ricerca di AIRC sul tumore al seno c’è anche quello di Alessandra Gennari, medico oncologo presso l’Ente Ospedaliero Ospedali Galliera di Genova: “Grazie alla ricerca, oggi possiamo dire di avere trovato la chiave per sconfiggere la maggior parte dei tumori al seno, ma alcuni restano ancora poco curabili. Il mio impegno di ricercatrice è rivolto alle donne con cancro della mammella, per offrire a ogni paziente il trattamento migliore, personalizzato sulle sue caratteristiche. È altrettanto fondamentale far capire a tutte le donne l’importanza di prendersi cura del proprio corpo, perché sappiamo che lo stile di vita, le abitudini, l’alimentazione e l’attività fisica hanno un ruolo essenziale nel condizionare non solo il rischio di cancro al seno, ma anche il successo delle terapie”.

Infatti, solo negli ultimi 20 anni la ricerca è riuscita ad ottenere dei risultati molto importanti nell’ambito della prevenzione, della diagnosi e della cura del tumore al seno, portando dal 78 all’85,5 % la sopravvivenza a cinque anni dalla diagnosi.

AIRC, partner per l’Italia della Campagna “Breast Cancer Awareness”
Il successo di questi risultati è dovuto soprattutto all’impegno di ricercatori, associazioni, cittadini e aziende che ogni anno sostengono la ricerca oncologica, sensibilizzando il pubblico sull’importanza della prevenzione e informando sui progressi della scienza. 

In particolare, dal 1 al 31 Ottobre, AIRC prenderà posto, per la seconda volta in Italia, accanto a The Estée Lauder Companies alla ventiquattresima edizione della Campagna “Breast Cancer Awareness” (BCA).
Attiva in più di 70 paesi, la BCA Campaign è un’importante alleata per la salute delle donne, in quanto sostiene la ricerca e promuove presso il pubblico la consapevolezza dell’importanza di aderire agli screening raccomandati e di adottare stili di vita corretti. 
In 24 anni di attività, la campagna BCA ha raccolto oltre 65 milioni di dollari, interamente investiti nella ricerca e nella formazione, per offrire servizi di assistenza medica a livello mondiale e finanziando più di 200 borse di studio. 

“Tutti insieme per sconfiggere il tumore al seno”
È questo il pay-off della Campagna BCA 2016, ideato appositamente per evidenziare quanto effettivamente incida la forza dell’unione nella lotta al cancro. 
Ecco quindi che sia AIRC che The Estée Lauder Companies condivideranno contenuti informativi e di ispirazione sui social network, utilizzando gli hashtag #BCAstrength e #NastroRosaAIRC, e sul sito BCAcampaign.it.
Inoltre, Estée Lauder Companies Italia sosterrà l’attività di AIRC, devolvendo € 5,00 per ogni prodotto di bellezza venduto nel mese di ottobre.

La redazione di Saluteuropa ti invita a prendere parte a questo importante progetto che può fare la differenza nella lotta al tumore al seno. 

Per ulteriori informazioni e donazioni ti consigliamo di visitare QUI il sito dell’AIRC. 

 

Fonte:

AIOM e AIRTUM, I numeri del cancro in Italia 2016 (scaricabile QUI)