Latte materno: attenzione al fruttosio

1299
Tempo di lettura: 3 minuti

Uno zucchero chiamato fruttosio può essere trasmesso dalla madre al proprio figlio attraverso il latte materno. Anche una piccola quantità di fruttosio nel latte materno è associata all’aumento del peso corporeo di un bambino.

Questo è ciò che è emerso da una ricerca preliminare nella Keck School of Medicine di USC.

Il fruttosio, che si trova nella frutta, nel miele, nella soda, non è una componente naturale del latte materno, che è la dieta più indicata per i bambini. Ma questo “zucchero di seconda mano” è derivato dalla dieta della madre, ha dichiarato Michael Goran, autore principale del nuovo studio pubblicato sulla rivista Nutrients.

“Esporre i neonati e bambini a quantità più elevate di zucchero durante la crescita e lo sviluppo può causare problemi con lo sviluppo e l’apprendimento cognitivo e creare il rischio per tutta la vita per l’obesità, il diabete, la malattia epatica e le malattie cardiache” ha dichiarato Goran, direttore fondante il Centro di ricerca sull’infanzia infantile Presso la Scuola di medicina Keck.

Le bevande energetiche, i cocktail con succo di mirtillo ed il fruttosio sono esempi di fonti di zuccheri secondari. Gli zuccheri sani e naturali nel latte materno invece comprendono il lattosio, che è vantaggioso per la crescita e lo sviluppo infantile.

Il lattosio è la principale fonte di energia dei carboidrati e il latte materno è molto utile, ma è possibile che si possano perdere alcuni effetti benefici a seconda della dieta della madre, questo può influenzare la composizione del latte materno“, ha detto Goran. “Altri studi hanno dimostrato che il fruttosio e i dolcificanti artificiali sono particolarmente dannosi durante i periodi critici di crescita e di sviluppo nei bambini. Stiamo cominciando a vedere che qualsiasi quantità di fruttosio nel latte materno è rischiosa“.

Goran ed i suoi colleghi non hanno raccolto dati dietetici da parte di madri per questo studio, quindi non sono stati in grado di determinare se le tracce di fruttosio presenti nel latte materno fossero associate al consumo abituale di alimenti e bevande ricchi di fruttosio.

Sappiamo ancora troppo poco sul motivo per il quale i bambini diventino sovrappeso o obesi”, ha dichiarato Goran. “È importante analizzare che cosa possa succedere nei primi tempi del loro sviluppo per determinare se si possa reagire subito dopo la nascita per abbassare i rischi”.

 

Fruttosio: quanto è troppo?

Il primo anno di vita è un periodo critico per la costruzioni di reti cerebrali e la cementificazione delle fondamenta del sistema metabolico. “Anche minime quantità di fruttosio possono avere effetti negativi sul metabolismo infantile”, ha detto Tanya Alderete, co-autore dello studio della scuola di medicina Keck. L’ingestione del fruttosio infatti potrebbe preparare le cellule di deposito pre-grasso per diventare cellule adipose, aumentando il rischio del bambino di diventare sovrappeso o obeso.

“La nutrizione dei neonati è fortemente legata a risultati di salute di lungo termine”, ha detto Alderete. “Sappiamo che la decisione di allattare al seno o in modo artificiale può avere ripercussioni sulla salute. I risultati di questo lavoro suggeriscono che anche la composizione del latte materno può essere un fattore importante da considerare per quanto riguarda la salute dei bambini”.

Guardando i dati dello studio, Alderete ha affermato che anche consumare solo 10 milligrammi di fruttosio dal latte materno al giorno, può portare a cambiamenti nella composizione del corpo durante la crescita.

Nonostante ciò, Alderete ha sottolineato che l’allattamento al seno è la forma ideale di nutrizione infantile e le madri dovrebbero continuare ad allattare per tutto il tempo necessario.

 

Lo studio e i risultati

Lo studio è stato effettuato portando un campione di 25 coppie di mamme e figli all’Oklahoma Health Sciences Center: quando i bambini avevano 1 mese e quando ne avevano 6. Le madri hanno digiunato per almeno tre ore prima della visita.

I ricercatori hanno analizzato un campione di latte materno da ogni mamma in base agli zuccheri come il lattosio, il glucosio e il fruttosio. Hanno inoltre misurano la massa grassa di ogni bambino, la massa muscolare e la massa ossea.

I ricercatori del Centro di ricerca dell’obesità infantile a USC stanno esaminando come l’assunzione dell’alimentazione materna influisce sui livelli di fruttosio nel suo latte e come gli elementi specifici nel latte materno possono alterare i batteri dello sviluppo dell’intestino di un bambino che neutralizza i sottoprodotti tossici della digestione. Questo “microbioma intestinale” influenza la crescita infantile e il suo metabolismo.

 

I consigli

Sulla base dei primi risultati dello studio, Goran offre alcuni consigli per le donne in gravidanza e per coloro che sono appena diventate madri: “Bisogna proteggere i bambini dagli effetti dannosi degli zuccheri scegliendo in modo accurato la propria dieta senza aggiunta di zuccheri o di dolcificanti“.

 

Fonti:

Materiale fornito da University of Southern California 

Goran M. et all., Fructose in Breast Milk Is Positively Associated with Infant Body Composition at 6 Months of Age. Nutrients, 2017.