Conoscere e prevenire la depressione

164
depressione
0 Condivisioni
Tempo di lettura: 2 minuti

Ne soffre 1 italiano su 5 e secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità nel 2020 sarà la seconda causa di “disabilità lavorativa”

 

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità entro il 2020 i disturbi depressivi diventeranno la seconda causa di “disabilità lavorativa”: preceduti solamente dalle malattie cardiovascolari.
Da diversi anni L’Associazione Europea sulla Depressione (European Depression Association) e la branch italiana EDA Italia Onlus organizzano la giornata europea sulla depressione che quest’anno in Italia si terrà il 15 ottobre.

E’ importante sensibilizzare su questi argomenti per poter riconoscere in tempo quei segnali che se trascurati potrebbero portare allo sviluppo della depressione.

E’ normale vivere un’oscillazione nel tempo del tono dell’umore. Tuttavia se quest’oscillazione si blocca stabilmente per almeno due settimana nell’area della tristezza allora bisogna iniziare ad attivarsi perchè è un segnale che si è vicini alla depressione.

Un italiano su 5 (circa il 20% della popolazione) presenta un quadro di “umore instabile” e di questi l’incidenza sulle donne è doppia rispetto che sugli uomini. Spesso chi è depresso o soffre di disturbi dell’umore fa abuso di aclool o altre sostanze come hashis e cocaina nel tentativo di liberarsi dal loro stato di instabilità. Al contrario però l’abuso di droghe non fa che peggiorare la situazione e rendere queste persone più resistenti ai trattamenti che verranno fatti.

Ecco un elenco dei Principali segnali precoci di disturbi dell´umore e poi sintomi di depressione

– Iperattività (euforia) alternata a periodi di serio rallentamento psicomotorio/dell´attività sia fisica che mentale (apatia),
– Umore depresso e/o irritabile,
– Ridotta capacità di concentrazione,
– Iperattività dei pensieri,
– Senso di disperazione,
– Deliri e allucinazioni,
– Disturbi della condotta alimentare,
– Iper/ipo-attività sessuale,
– Insonnia/ipersonnia,
– Disturbi gastrointestinali, cefalee e somatizzazioni varie,
– Comorbidità ansiosa (ansia generalizzata; panico; fobia sociale),
– Comportamento antisociale,
– Abuso di sostanze,
– Ideazione suicidaria.

 

 

Per maggiori informazioni sui temi della depressione e sulla Giornata Europea sulla Depressione che si terrà in Italia il 15 ottobre 2016, segnaliamo il sito di EDA Italia ONLUS

L’associazione EDA Italia Onlus è un’associazione che coordina e organizza in tutta Italia dal 2004 la Giornata sulla Depressione, e in generale ha come obiettivo quello di divulgare informazioni corrette sulle patologie depressive e dell’umore in genere tra la popolazione tutta, popolazione generale e operatori sanitari.
Per tal motivo ha pubblicato anche un libretto-guida sulla depressione, “Luce sul male oscuro” (Sardini Editore, 2013). Collaborano con essa in tutta Italia oltre 70 fra psichiatri, psicologi e psicoterapeuti.

 

 

The following two tabs change content below.
0 Condivisioni