home page

Cefalee a naso

Cefalee a naso
Tempo di lettura: 2 minuti

“L’olfatto è il più bestiale dei sensi: perché scatena tutti gli altri”: l’ho scritto la prima volta una quarantina d’anni fa, per una rivista di voghe di moda…

Scatena il gusto/l’acquolina in bocca. Scatena il richiamo sessuale. Scatena all’opposto il disgusto/la nausea. Scatena l’allarme e la fuga dai miasmi sospetti…

E, all’occasione, scatena pure il malditesta.

‘Cefalea da osmofobia’ è la dizione corretta: come dire malditesta da repulsione/terrore d’odore.

Il 70 per cento (2 su 3) di chi n’è vittima sono donne: il problema infatti s’acutizza nel periodo premestruale-mestruale e in gravidanza. Tanto peggio poiché l’elenco degli accusati allinea: profumi dolci femminili, detersivi e deodoranti per la casa, odori della cucina – cipolle, cibi fritti e/o grassi – il fumo di sigaro e/o sigaretta, disinfettanti, vernici, solventi, benzina…

Né è necessario restare esposti a lungo all’odore incriminato: bastano pochi istanti – come ben sa chi ne soffre – perché il malditesta cominci a farsi sentire, in qualche caso addirittura specificamente preannunciandosi con un’allucinazione olfattiva, cioè la sensazione d’un particolare odore, variabile da paziente a paziente, presente giusto nella sua memoria, ma non realmente lì in quel momento.

D’altro canto è fenomeno già noto che per alcuni cefalalgici la sensibilità olfattiva aumenta durante gli attacchi, e magari anche cambia, facendo risultare sgradevoli odori altrimenti di solito graditi:

trasformando insomma al caso gli aromi in puzze.

Il Naturalista che sono, qui giunti potrebbe osservare che la prevalenza al femminile nell’osmofobia/malditesta a naso potrebbe trovare una spiegazione evolutiva nella stravolta persistenza d’un primordiale meccanismo di difesa della madre e cuccioli garantendole un allarme precocissimo e insistente sia dell’afrore dei predatori, sia un rifiuto veemente dei cibi guasti/contaminati, sia un preciso discrimine sulle intenzioni del maschio: spesso buone per la copula, ma non sempre altrettanto verso i cuccioli che ne derivino, in varie specie vittime del maschio che li fa fuori per ricominciare daccapo con la madre.

E’ pur sempre un’emicrania collegata all’”oggi no”.

The following two tabs change content below.
Sergio Angeletti

Sergio Angeletti

Presidente vicario dell'ASMI­ - Associazione Stampa Medica Italiana nell'FNSI­ - Federazione Nazionale Stampa Italiana. Maggiori info sul nostro collaboratore
Sergio Angeletti

Ultimi post di Sergio Angeletti (vedi tutti)