home page

Bevande energizzanti: possibili rischi per la salute dei più giovani

Bevande energizzanti: possibili rischi per la salute dei più giovani
Tempo di lettura: 1 minuto

Più della metà degli adolescenti che hanno consumato dei drink energizzanti hanno avuto effetti collaterali più o meno gravi.

Ecco ciò che è emerso dallo studio pubblicato sulla rivista Canadian Medical Association Journal Open effettuato dai ricercatori dell’Università di Waterloo in Ontario.

Gli energy drink: ecco cosa c’è al loro interno

Le bevande stimolanti contengono caffeina, taurina, guaranina, maltodestrina, carnitina, ginseng, mate, zuccheri come glucuronolattone, metilxantine e vitamine B.

Afferma David Hammond, Professore presso l’Università di Waterloo “Gli effetti sulla salute derivanti dall’energia potrebbero essere dovuti ai diversi ingredienti o alle modalità con cui sono stati consumati. Indipendentemente da ciò, i risultati suggeriscono la necessità di aumentare la sorveglianza degli effetti sulla salute di questi prodotti“.

Lo studio ed i risultati

I ricercatori hanno intervistato 2.055 giovani canadesi di età compresa tra 12 e 24 anni. Dai risultati è emerso come circa il 55% che consumavano bevande energizzanti hanno avuto effetti negativi sulla propria salute.

In particolare il 24,7% ha riportato un battito cardiaco accelerato, il 24,1% difficoltà nel dormire ed il 18,3% mal di testa. Continuando il 5,1% ha avuto nausea, vomito o diarrea, il 5% ha richiesto cure mediche, il 3,6% dolori al petto e lo 0,2% addirittura convulsioni.

Le conclusioni

“Il numero di effetti sulla salute osservati nel nostro studio suggerisce che si dovrebbe fare molto di più per limitare il consumo di tali energy drink tra i bambini e i giovani“, ha detto Hammond. “Al momento infatti non ci sono restrizioni sull’acquisto di queste bevande da parte dei bambini, che vengono invece venduti facilmente nei supermercati”.

Fonte:

https://uwaterloo.ca/news/news/energy-drinks-can-negatively-impact-health-youth