Sclerosi multipla: le cellule “riparatrici” della mielina che agiscono solo quando l’infiammazione cerebrale lo permette

Sclerosi multipla: le cellule “riparatrici” della mielina che agiscono solo quando l’infiammazione cerebrale lo permette

Tempo di lettura: 3 minuti

Identificando il meccanismo che permette l’azione riparatrice di una popolazione di cellule progenitrici ancora presente nel cervello adulto si  apre la via alla possibile associazione di nuove molecole pro-mielinizzanti con farmaci immunomodulanti e anti-infiammatori attualmente usati per tenere sotto controllo i sintomi della sclerosi multipla.

Continua a leggere
Il Corpo Anticancro

Il Corpo Anticancro

Tempo di lettura: 2 minuti

Edizioni Piemme di Michele Maio e Agnese Codignola.

Combattere il cancro partendo dal sistema immunitario rieducandolo a riconoscere e neutralizzare le cellule tumorali.

Continua a leggere
Chemioterapia in crisi: 6 farmaci su 10 autorizzati senza prove di efficacia e sicurezza

Chemioterapia in crisi: 6 farmaci su 10 autorizzati senza prove di efficacia e sicurezza

Tempo di lettura: 3 minuti

Due terzi dei farmaci antitumorali che hanno recentemente ricevuto l’autorizzazione per la messa in commercio da parte dell’Agenzia Europea del Farmaco (European Medicines Agency – EMA) non introducono nessun miglioramento rispetto ai chemioterapici già in commercio né in termini di incremento dell’aspettativa di vita né di miglioramento della qualità di vita.

Continua a leggere
Cannabis ad uso medico: nuovi passi dell’Unione Europea

Cannabis ad uso medico: nuovi passi dell’Unione Europea

Tempo di lettura: 4 minuti

Il tema della cannabis ad uso medico è troppo spesso associato al dibattito sulla liberalizzazione delle droghe ad uso ricreativo, uso che ora è considerato illegale in tutti gli stati membri fatta eccezione per alcuni stati quali Olanda, Austria e Lussemburgo che autorizzano l’utilizzo di piccole quantità.

Continua a leggere
Un’arma di precisione contro il DNA malato

Un’arma di precisione contro il DNA malato

Tempo di lettura: 3 minuti

L’editing genomico diventa adulto. Il metodo per modificare il DNA a scopo terapeutico, proposto e sviluppato originariamente a Berkley e all’MIT di Boston, è dovuto passare per la collina di Trento per raggiungere l’affidabilità e la sicurezza necessari nelle applicazioni cliniche.

Continua a leggere