home page

Teenager con la grinta di un sessantenne

Teenager con la grinta di un sessantenne
Tempo di lettura: 2 minuti

Uno studio condotto dai ricercatori della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health evidenzia come bambini e adolescenti facciano molta meno attività fisica di quanto si credesse e che l’unico incremento si verifichi nella fascia tra i 20 e i 29 anni.


Ciò che è più allarmante è che i diciannovenni svolgono un esercizio fisico addirittura equiparabile a quello dei sessantenni.

I dati dei devices

I ricercatori hanno utilizzato i dati del National Health and Nutrition Examination Survey, un sondaggio  effettuato dal National Center for Health Statistics per valutare lo stato di salute della popolazione statunitense e tenere traccia dei cambiamenti nel tempo. I 12.529 partecipanti hanno indossato per sette giorni consecutivi dei dispositivi di monitoraggio che hanno misurato per quanto tempo sono stati sedentari o impegnati in attività fisica. 
I ricercatori hanno poi suddiviso i dati raccolti dai devices in cinque gruppi di età: bambini (6-11 anni), adolescenti (12-19 anni), giovani adulti (20-29 anni), adulti di mezza età (30-59 anni), adulti più vecchi (60- anni). Il 49% di loro erano maschi, le restanti femmine.

 

Lo studio

Ciò che è emerso dallo studio di questi dati è che per tutti i gruppi di età i maschi hanno generalmente livelli di attività più elevati rispetto alle femmine, in particolare per quanto riguarda l’attività fisica ad alta intensità, tuttavia, raggiunta la mezza età, questi livelli scendono molto più velocemente rispetto a quelli delle femmine. Il gruppo dei giovani adulti è l’unico che mostra un incremento del livello di attività fisica, specialmente nell’arco della mattinata, ma ciò può essere attribuito all’iniziare a lavorare a tempo pieno e ad altri cambiamenti nello stile di vita tipici di questa età.

Conclusioni

Lo studio ha confermato che le raccomandazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sul mantenere uno stile di vita attivo non sono state rispettate. L’OMS infatti incoraggia i ragazzi di età compresa fra i 5 e i 17 anni a svolgere almeno 60 minuti di attività fisica quotidiana, ma dai dati raccolti risulta che circa il 25% dei bambini e il 50% delle bambine tra i 6 e gli 11 anni, e più del 50% dei maschi e il 75% delle femmine in età adolescenziale non rispettano questi preziosi consigli.
 Mentre l’OMS formula le sue raccomandazioni prevalentemente in termini di attività fisica ad alta intensità, i ricercatori fanno notare che vi è un consenso sempre maggiore per i benefici che si traggono dalla riduzione del comportamento sedentario e dall’aumento dei livelli di attività fisica svolta anche a bassa intensità.
 Come suggerisce Vadim Zipunnikov, docente del Dipartimento di Biostatistica della Bloomberg School, gli sforzi delle campagne indirizzate a cambiare lo stile di vita delle persone dovrebbero essere maggiormente indirizzati all’incremento di un’attività fisica regolare e a bassa intensità.

 

Fonti:

https://www.jhsph.edu/news/news-releases/2017/nineteen-year-olds-as-sedentary-as-sixty-year-olds-study-suggests.html

http://linkinghub.elsevier.com/retrieve/pii/S0091743517301949

 

The following two tabs change content below.